Lettera al Ministro dell’Università

Email inviata a tutti i docenti del Politecnico di Milano ed ai destinatari qui sotto:

——————–

A: Francesco Profumo

Cc: Mario Monti; Angelino Alfano; Pierluigi Bersani; Pierferdinando Casini; Marco Mancini; Manuela Ghizzoni; Gian Antonio Stella; Corrado Zunino

 

Gentile Ministro Profumo,

le scrivo queste poche righe di getto a mo’ di sfogo, non mi dilungherò in una dettagliata analisi del sistema.

Volevo esprimerle pubblicamente l’amarezza che provo nel vedere come viene maltrattata l’università (ultimo esempio il finanziamento) e la ricerca (ultimo esempio i fondi PRIN e FIRB), con continue operazioni nel tentativo di smantellare l’una e l’altra.

All’amarezza si unisce poi un senso di… fastidio… sapendo che lei, Ministro, è stato anche rettore del Politecnico di Torino e presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche; qualcuno aveva sperato che il suo mandato fosse un’occasione per l’università, dopo che il ciclone Gelmini aveva già fatto (e continua a fare) danni non certo trascurabili.

Peccato, ha e abbiamo perso un’occasione.

Avendo voglia ci sarebbe da spendere tempo su ANVUR, abilitazioni scientifiche e temi simili; mi limito all’espressione dell’amarezza e del fastidio sopra menzionato.

Auguro a lei e soprattutto ai miei colleghi un buon 2013, con la speranza (quella sì sempre viva) che le cose possano migliorare per l’università italiana, certamente una tra le migliori, e che la si consideri per quello che realmente è: una risorsa!

Credo glielo si debba, al di là di chi la paragona (o la sottovaluta) ad un buon paio di scarpe.

 

Cordialmente,

Maurizio Zani (membro del CdA del Politecnico di Milano)


Lascia un commento